Cerca nel blog

giovedì 8 ottobre 2015

mercoledì 16 settembre 2015

Detrazioni fiscali interventi edilizi c'è tempo fino al 31.12.2015

La detrazione per spese di ristrutturazione scadrà il prossimo 31 dicembre 2015. Chi può usufruire della detrazione?

Tutti i contribuenti soggetti al pagamento dell'IRPEF, residenti o meno nel territorio dello Stato. L'agevolazione spetta a:

  •  proprietari
  • nudi proprietari
  • titolari di diritto di: usufrutto, uso, abitazione o superficie
  • locatari o comodatari
  • soci di cooperative
  • imprenditori individuali
  • vari tipi di società (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti equiparati, imprese familiari)
La detrazione può essere goduta anche dal familiare convivente del possessore o detentore dell'immobile oggetto di intervento a condizione che sostenga le spese e ad esso/a siano intestate fatture e bonifici.

Ripartizione della detrazione: in 10 quote annuali di pari importo a partire dall'anno in cui viene sostenuta la spesa e per i successivi dieci.

Tipi di interventi:
  • manutenzione straordinaria
  • opere di restauro e risanamento conservativo
  • ristrutturazione edilizia
  • manutenzione ordinaria (solo per le parti comuni di edifici residenziali)
  • ristrutturazione, ricostruzione o ripristino di immobile danneggiato a causa di calamità naturali e per i quali sia stato dichiarato lo stato di emergenza
  • realizzazione autorimesse e posti auto di pertinenza
  • opere per eliminazione barriere architettoniche (ascensori, montacarichi, ecc.)
  • interventi che favoriscano la fruibilità interna ed esterna dell'abitazione da parte di persone portatrici di handicap gravi (art. 3 comma 3 legge 104/1992)
  • bonifica amianto
  • opere finalizzate a prevenire il rischio di furti, aggressioni, sequestri ed ogni altro reato lesivo (sono esclusi i contratti stipulati con istituti di vigilanza)
  • interventi per cablatura edifici, risparmio energetico, inquinamento acustico, opere relative a sicurezza statica ed antisismica e risparmio energetico da fonti alternative
Per quanto riguarda in particolare la riqualificazione energetica, la percentuale detraibile è del 65% prorogata fino al 31.12.2015, mentre dal 1° gennaio 2016 l'agevolazione diverrà detrazione fiscale del 36% prevista per le spese riguardanti le ristrutturazioni edilizie.

In cosa consiste l'agevolazione per il risparmio energetico?
E' un "aiuto" fiscale riconosciuto per quegli interventi e spese sostenute per:
  • ridurre il fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • il miglioramento dell'isolamento dell'edificio (coibentazioni, finestre, pavimenti, ecc.)
  • installazione di pannelli solari
  • sostituzione impianti di riscaldamento
Va ricordato che l'agevolazione (65% in dieci anni) non può superare la somma detraibile; in sostanza non può essere chiesto un rimborso.

Una delle condizioni essenziali per fruire della detrazione è che le opere e gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari esistenti, di qualunque categoria catastale. Sono escluse le spese effettuate in corso di costruzione dell'edificio.

martedì 15 settembre 2015

Stampante per case


E' italiana la stampante 3D più grande del mondo che realizzerà case a basso costo...
Resta sempre il fatto che ci sono moltissime abitazioni disabitate, sottoutilizzate o pericolanti che varrebbe la pena ristrutturare e recuperare...

giovedì 3 settembre 2015

Tetti verdi: le piante più adatte ai green roof

Tetti verdi: le piante più adatte ai green roof: Il Giardino botanico di Chicago  ha reso pubblici i risultati di una ricerca sui tetti verdi con cui sono state valutate quali sono le piante più...